Weird

Io sono quella che tira fuori la farina a mezzanotte e prepara i biscotti. Io sono quella che ritaglia i cataloghi della MontBlanc per decorare i quaderni di scuola. Io sono quella che salva i peluche dalla strada (la voce si dev’essere diffusa, sono già tre negli ultimi due anni).   Quella che squittisce nel vedere sul dorso di un … Continua a leggere

Back

Mettiamola così. Fa un po’ ridere tornare dopo più di due anni e mettersi a scrivere un post come se niente fosse, uno di quei soliti post in cui mi ritrovo a ringraziare l’Universo di piccole cose insignificanti che mi hanno fatta stare bene. Fa un po’ ridere ma lo faccio lo stesso: il blog è mio e io avevo … Continua a leggere

Libri e ringraziamenti

Come dire…   …la vita prosegue. Anche se non scrivo. E come prosegue!!! °_° Grandi cose sono successe nel frattempo. Cavolo, parliamo di…un mese fa.   Solo un mese? Pensavo di più. Stamattina sono stata ad un colloquio in un agenzia per il lavoro interinale. Da qualcosa devo pur iniziare no? La signora che mi ha fatto il colloquio (molto … Continua a leggere

Semi

Buonasera! Vediamo se riesco a postare entro un’ora decente, credo che non sarebbe una cattiva idea. Com’è andato il vostro lunedì? Si sa, è una giornata delicata…io ho iniziato la settimana sempre nello stesso modo, ovvero andando a Vicenza a ritirare i prodotti Tupperware che mi sono stati ordinati la settimana scorsa, quindi nulla di eccessivamente sconvolgente o straordinario. Pensandoci … Continua a leggere

“Se non posso averti”

Volete che parli di un argomento preciso? Bene, proviamoci. Iniziamo con un libro, scovato ieri sera mentre mi documentavo sulle sezioni di alcuni forum interessanti. Il titolo è “Se non posso averti”. Premessa. Non è mia intenzione trasformare questo in un blog di critica letteraria, né mi diverto a criticare i libri (preferisco di gran lunga parlare di quelli che … Continua a leggere

Moonacre

Yaaaawn (comunemente tradotto come “sbadiglio”). Salve, people. Gli occhi mi si chiudono, ma almeno ho fatto il mio dovere. La cucina è a posto, e mi sono anche divertita a fare un po’ di pacchetti. Ora sono sotto l’albero, tutti insieme, tutti con la stessa carta (rosa, con spirali bianche e fiori fucsia e gialli) nel cestone dei regali. Bene. … Continua a leggere

Leggere davvero.

Salve. A volte mi chiedo se Histats non mi stia prendendo in giro. Stamattina sono stata da Beloved! Grande gioia, salvo che 1) mi sono persa per Venezia nonostante sia la terza volta che la vado a trovare e 2) ho dimenticato là il mio preziosissimo bloc notes in cui ci sono NON SOLO i miei appunti di tedesco, ma … Continua a leggere

Una giornata piena!

People. Non guardatemi così. Lo so che sono due giorni che non posto nulla. Non so perché l’ho fatto, e non so se succederà ancora. Lol, come se a qualcuno importasse qualcosa del mio impegno di scrivere ogni giorno…bene, oggi non potevo non scrivere. Io amo le giornate lunghe. Oggi era venerdì, era una giornata pesante ma è riuscita ad … Continua a leggere

..devo dire la verità…

…qui si batte proprio la fiacca. Anche oggi non ho fatto quasi nulla, a parte iniziare a tratteggiare il profilo dei personaggi per il mio nuovo racconto…ma non mi è riuscito tanto bene, devo dire. Sarà il freddo o il mese (particolarmente infelice per vari motivi), ma mi sento apatica e demotivata, anche nelle piccole cose. Che posso fare? Qualcuno … Continua a leggere

Anche oggi…si vive.

Salve, people. Sto mangiando un ghiacciolo all’arancia che, a dirla tutta, fa davvero schifo. Ah, al limone era meglio… Oggi ho ripreso l’uni, con una lezione di Tedesco. Non male, devo dire. Trovo che il più difficile da seguire sia italiano (senza nulla togliere al prof, che anzi, apprezzo moltissimo). All’andata mi sono anche addormentata in treno, credo per cinque … Continua a leggere